Farah Khelil, ‘Solitaire’, Officine dell'Immagine